Archivi Blog

Henry Purcell, un romantico tra i puritani

Uno dei compositori più significativi della scena musicale inglese del ‘600 è Henry Purcell.
Organista, cantore e compositore, fu autore di numerosissime composizioni destinate ai concerti, alla chiesa, al teatro e alla corte, e fu il primo musicista ad essere sepolto nell’abbazia di Westminster.
Purcell ebbe la capacità di riunire in sé due opposte tendenze. Se da un lato, infatti, inserì nella sua musica aspetti dei due gusti europei dominanti in età barocca, quello italiano e quello francese, dall’altro le sue opere mantennero, per generi e sensibilità, una profonda “britannicità”, caratterizzata da elementi romantici e dall’utilizzo di dissonanze, scale moderne, modi liturgici e dall’influsso della musica popolare inglese e della tradizione dei madrigalisti rinascimentali. Leggi il resto di questa voce

Marco Frisina. Un compositore fuori dallo star system

Tra i principali compositori italiani viventi va inserito un artista molto particolare e, per molti versi, fuori dagli schemi: Marco Frisina. Sacerdote, biblista, docente universitario, direttore dell’antica Cappella Musicale Lateranense, Rettore della chiesa di Santa Cecilia in Trastevere (Roma), è in primo luogo il principale autore italiano di musica liturgica. I brani da lui composti sono eseguiti in migliaia di parrocchie della penisola e, tradotti in diverse lingue, sono spesso eseguiti anche all’estero. Leggi il resto di questa voce

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: