La musica europea: in principio fu il canto gregoriano

In un’epoca in cui la religione è vista dal mondo intellettuale come un freno alla crescita culturale è curioso notare come le origini di tutte le arti nell’Europa occidentale siano da ascriversi a un contesto religioso.
Superate infatti le origini antiche (solitamente greco-romane) tutti i manuali passano ad affrontare l’arte medievale che nasce e si svilupa in contemporanea all’Europa così come la conosciamo oggi.
Il cantico delle creature di San Francesco in letteratura, il romanico in arte, il dramma sacroin storia del teatro, il canto gregoriano in quella della musica sono i tanti “capitoli 1″ e non è difficile cogliere il contesto in cui questi generi hanno trovato origine.

Il canto gregoriano è la prima forma musicale di cui possediamo non solo fonti indirette ma anche i “testi” ovvero le partiture, avendo esso sviluppato un proprio sistema di segnatura musicale, antesignano di quello moderno.
Il suo nome deriva da quello di papa Gregorio I Magno che, sul finire del VI secolo, nella sua grande opera di riorganizzazione della Chiesa, provvide a creare un “repertorio” raccogliendo, sistemando e, talvolta, componendo le musiche su cui cantare nei vari riti le preghiere, le orazioni, le antofone, i cantici, i salmi.

I suoni sono originariamente rappresentati con una sorta di “stenografia”, detta notazione neumatica perché basata su neumi, segni che traggono origine dagli accenti grammaticali, segnati sul testo.
Successivamente tali segni verranno trasportati in un sistema di quattro righe orizzontali sovrapposte che fisserà chiaramente altezza e intervalli dei suoni passando così da una notazione detta chironimica (senza righe di riferimento) ad una diastematica, preparando l’avvento della chiave musicale.
A partire dal XIII secolo i neumi cominceranno ad assumere maggiore definizione con dai segni di forma quadrata che poi, arrotondandosi, daranno vita alle moderne note musicali.

Riferimenti bibliografici

  • G. Cattin, Il Medioevo in Storia della musica, EDT, Torino 1980
  • A. Planchart, Le tradizioni del canto liturgico nell’Europa occidentale in Enciclopedia della Musica, Einaudi, Torino 2006
  • D. Saulnier, Il canto gregoriano. Storia – liturgia – tecniche di esecuzione, Piemme, Milano 2003
Annunci

Pubblicato il 02/03/2014, in Cultura, Musica con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: