Gianni Celeste. Il giallo che avanza

Oggi si parla tanto di pericolo giallo e in effetti tale timore non è infondato. E non ci stiamo riferendo ovviamente all’invasione commerciale cinese ma all’inquietudine generata dal maglione di Gianni Celeste nel video de “L’infermiera di notte”.

Mettiamo subito le cose in chiaro, Gianni è un gran figo, bello, ricco ed elegante ed è normale immaginarlo preda della bramosia delle donne che lo circondano.

E la canzone parla proprio di questo: Gianni, sposo onesto, fedele e gran lavoratore è importunato sul luogo di lavoro (un ospedale, una clinica) da un’avvenente infermiera che non riesce (giustamente) a resistere al fascino del collega di turno (infermiere anche lui?). Gianni fa chiaramente di tutto per resistere alle avances della donna ma, si sa, la carne è debole e cerca aiuto in un amico, vicino di casa dell’infermiera. L’estremo pathos della situazione è perfettamente espresso dalla musica dell’intro, mandolino su ritmi serrati, un vero nap-triller.

E’ un po’ la situazione di chi dice: qualcuno mi fermi, perché io non ci riesco.

Ebbene, la condizione del buon Gianni è fin troppo chiara. La capacità di resistere è giunta al termine e avanza la consapevolezza che di lì a poco potrebbe iniziare una relazione extraconiugale.

Che fare? Dire tutto alla moglie? Non è possibile, meglio cercare soluzioni alternative. Meglio stroncare sul nascere ogni problema, non è possibile, per una mera attrazione fisica, demolire quanto costruito in una vita. Gianni è un piccolo borghese e non può rinunciare al suo status, non può rinunciare ad una casa lussuosa, elegante senza essere eccessiva, alla tecnologia (è uno dei primi possessori di cordless al mondo), al bel vestire.

E ritorniamo al discorso sul maglione. Quel maglione giallo non è solo un indumento, è un simbolo, ed è assurdo non capirlo. Il giallo, colore dell’oro, rappresenta i piaceri effimeri: la ricchezza, il successo, la sicurezza. Beni preziosi ma incapaci da soli di dare “vero valore” ad un’esistenza.

Gianni lo sa. E cerca di resistere all’infermiera che, seppur attraente e disponibile, rappresenta la fine di quella vita, di quella casa, di quel maglione.

Links

Gianni Celeste – L’infermiera di notte

 

 

Annunci

Pubblicato il 16/01/2011, in Le frontiere del neomelodico con tag , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: